☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !
☭ Russia, Ucraina & CCCP ! > Forum Russia-Italia > Destinazioni > Ucraina

uscita da paese shengen

RSS
Autore
Giorno e Ora
Messaggio Operazioni
Marco Gori
notdefinite
marcogggg@alice.it
Marcogggg

ciao a tutti
ho un piccolo problemino per le vacanze di natale devo andare con la mia compagna in ucraina ma stave gurdando per fare i biglietti e nelle date che voglio andare non c è il volo diretto da roma il problema è questo
puo lei uscire con permesso di soggiorno da un paese shengen( amsterndam) e rientrare su roma con la ricevuta delle poste visto che il permesso di soggiorno scade durante la nostra permanenza in ucraina
marco
Andrea Bruno
male
customercare@officialguide.info
Webmaster

Se gli scade il permesso di soggiorno per rientrare deve fare il visto schengen.
Comunque ti conviene chiamare in aeroporto a Roma e chiedere a loro se la fanno rientrare. Secondo me NO: Che titolo avrebbe per un soggiorno in UE?
Toglici una curiosità? Come fa ad avere il permesso di soggiorno? A che titolo?
Ilcontepalatino Ilcontepalatino
male
ispmark@mail.ru
Ilcontepalatino

Marcogggg:
ciao a tutti
ho un piccolo problemino per le vacanze di natale devo andare con la mia compagna in ucraina ma stave gurdando per fare i biglietti e nelle date che voglio andare non c è il volo diretto da roma il problema è questo
puo lei uscire con permesso di soggiorno da un paese shengen( amsterndam) e rientrare su roma con la ricevuta delle poste visto che il permesso di soggiorno scade durante la nostra permanenza in ucraina
marco

Gli stranieri in attesa del rinnovo del titolo di soggiorno possono uscire dall'Italia e rientrarci se in possesso:

della ricevuta rilasciata da Poste Italiane S.p.A. che attesta l'avvenuta presentazione della domanda di rinnovo del loro permesso di soggiorno o della carta di soggiorno, del titolo di soggiorno scaduto, del passaporto o altro documento equipollente.


La stessa facilitazione è consentita agli stranieri che hanno presentato domanda per il primo rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, lavoro autonomo o ricongiungimento familiare a condizione che:

1) l'uscita e il rientro avvengano attraverso una qualunque frontiera esterna italiana (circolare 11 marzo 2009);
2) lo straniero esibisca il passaporto o altro documento di viaggio equipollente, unitamente al visto d'ingresso dal quale desumere i motivi del soggiorno (lavoro subordinato, lavoro autonomo o ricongiungimento familiare) e la ricevuta di Poste Italiane S.p.A.;
3) il viaggio non preveda il transito in altri Paesi Schengen, essendo lo stesso precluso.

Aggiungo, che con la circolare del 27 giugno 2007, si è stabilito che chi ha figli minori di 14 anni può richiedere alla Questura il rilascio di un permesso di soggiorno cartaceo provvisorio e con validità limitata. Sul titolo saranno iscritti i figli minori che in questo modo potranno lasciare temporaneamente l'Italia.

Ti do' un consiglio da operatore del settore: rinuncia alle vacanze.

Ciao
Marco Gori
notdefinite
marcogggg@alice.it
Marcogggg

mi sono spiegato male
scadenza permesso di soggiorno 3 gennaio 2013
biglietto aereo partenza 26 dicembre da firenze via amsterdam per kiev usita con permesso di soggiornoi valido
rientro 8 gennaio da kiev via roma per firenze con cedolina del rinnovo delle poste
domanda puo uscire da un paese shenghen,con permesso di soggiorno( olanda) e rientrare con cedolina su roma?
Ilcontepalatino Ilcontepalatino
male
ispmark@mail.ru
Ilcontepalatino

Diciamo che tecnicamente è fattibile in quanto non vige piu' l'obbligo di uscita ed entrata dallo stesso valico di frontiera, pero' restano comunque preclusi il transito in altri Paesi Schengen, fatto comunque da te superabile in quanto all'atto del transito in Olanda il PDS è ancora valido. Il problema secondo me sta' al suo rientro, e non all'arrivo in italia a Roma, dove il cedolino delle poste è regolarmente riconosciuto, ma a Kiev. la Polizia di Kiev, a quanto mi è stato detto da amiche che ne hanno pagato le conseguenze, NON riconosce il cedolino delle poste e ti fanno partire SOLO se hai il PDS ancora valido, o il visto. La circolare del Ministero dell'Interno che parla di questo, che trovi sul sito della Polizia di Stato, dice .."ovvero copia del PDS o fotocopia del PDS valido o in rinnovo". Forse la Polizia di Kiev, giustamente, se ne frega delle nostre circolari e stanno alle regole internazionali: visto o PDS o stai a casa.
Ma una domanda mi sorge: se sei alla scadenza del PDS avrai fatto richiesta di rinnovo dello stesso??..si perchè se hai la ricevuta delle poste devi averlo fatto sicuramente...e l'appuntamento per andare in questura quando c'è l'hai???...
Vedi, io mi permetto di scriverti queste cose perchè ogni anno vivo la stessa cosa con il rinnovo del PDS della mia compagna e credimini, nonostante sia "agevolato e raccomandato", mi prendo 2 mesi e mezzo di tempo e non si va' da nessuna parte fino a quando non ottiene il PDS nelle sue mani.
Poi ognuno fa cosa crede della propria vita, e quindi ti faccio i miei auguri.
Ciao
Andrea Bruno
male
customercare@officialguide.info
Webmaster

Mi auspico che semplifichino o meglio, che velocizzino queste cose qui: Non mi pare giusto nei confronti degli stranieri e nemmeno per i nostri connazionali che in piena era informatica vi siano iter da espletarsi in tempi lunghi.
Io mi schiero per:
1) Più rigore per chi sgarra (a casa).
2) Più efficenza e prontezza nei confronti degli amici stranieri nostri ospiti

Purtroppo chi legifera in Italia è preso da altri problemi, ovvero come rubare ai poveri per dare alle banche: Il famoso debito capestro che non finirà mai. Mi chiedo se ha senzo per una generazione continuare a pagare tasse che vanno solo a coprire gli interessi di un debito che non finirà mai?
Comunque qualcuno il PDS lo dovrà riformare perchè la gente non capisce (e ha ragione), queste lunghe attese.
Ilcontepalatino Ilcontepalatino
male
ispmark@mail.ru
Ilcontepalatino

Webmaster:
Mi auspico che semplifichino o meglio, che velocizzino queste cose qui: Non mi pare giusto nei confronti degli stranieri e nemmeno per i nostri connazionali che in piena era informatica vi siano iter da espletarsi in tempi lunghi.
Io mi schiero per:
1) Più rigore per chi sgarra (a casa).
2) Più efficenza e prontezza nei confronti degli amici stranieri nostri ospiti

Purtroppo chi legifera in Italia è preso da altri problemi, ovvero come rubare ai poveri per dare alle banche: Il famoso debito capestro che non finirà mai. Mi chiedo se ha senzo per una generazione continuare a pagare tasse che vanno solo a coprire gli interessi di un debito che non finirà mai?
Comunque qualcuno il PDS lo dovrà riformare perchè la gente non capisce (e ha ragione), queste lunghe attese.

Caro web sono in molti a pensarla come te (io pure) tranne i politici...ci vogliono la bellezza di 200€ per rinnovare il PDS.
Le lunghe attese te le spiego io in 3 parole: carenza di personale...e con i tagli che l'attuale governo sta' facendo saranno ancora di piu'. Quindi, chi vive in grandi città aspetta di piu', nelle piccole città ancora si sta' nell'arco dei 3 mesi...
Vincenzo23 Vincenzo
male
vinx23@gmail.com
Vincenzo23

Ilcontepalatino:
Le lunghe attese te le spiego io in 3 parole: carenza di personale...

Perfettamente d'accordo con il conte!
Ma sarebbero bastate
1) tecnologia per combattere la burocrazia, portale unico gestito dal Ministero con Questure che dialogano tramite PEC(c'è riuscito il GSE a realizzare un portale per il fotovoltaico!!!);
2) aggiornamento tecnologico e normativo costante degli operatori degli uffici delle Prefetture e delle Questure (anche grazie ai soldi pagati dalle imposte sui visti e sui permessi).

in due mosse si poteva oleare la lenta macchina burocratica, utilizzando i soldi che l'immigrazione produce [le sole tasse], perché si fa presto a fare i conti: 1.000.000 di immigrati in Italia che paga il rinnovo sono 200.000.000 di euro con i quali si migliora di molto il sistema!!! Permettetemi però di fare una leggera critica: credo che il sistema attuale sia fatto per quei "birbaccioni" che non vogliono immigrati regolari, che non vogliono versare contributi, insomma per i soliti noti che magari hanno la badante in nero, la fabbrichetta con gli operai africani in nero ... e ci dicono sempre che loro pagano un sacco di tasse a Roma [poi ne versano solo un decimo di quanto devono]!!! smile_wink
Andrea Bruno
male
customercare@officialguide.info
Webmaster

Se me lo chiedono ghi faccio un programmino che gira in un computer stellissimo di soli 5 centimetri e che gli gestisce in automatico tutti i rinnovi dei permessi di soggiorno automatizzando tutte le verifiche di rito e che esegue ogni pratica in 5 secondi.
Maurizio Di Muzio
male
muzio68@gmail.com
Mauriziogov

Vincenzo23:
Perfettamente d'accordo con il conte!
Ma sarebbero bastate
1) tecnologia per combattere la burocrazia, portale unico gestito dal Ministero con Questure che dialogano tramite PEC(c'è riuscito il GSE a realizzare un portale per il fotovoltaico!!!);
2) aggiornamento tecnologico e normativo costante degli operatori degli uffici delle Prefetture e delle Questure (anche grazie ai soldi pagati dalle imposte sui visti e sui permessi).

in due mosse si poteva oleare la lenta macchina burocratica, utilizzando i soldi che l'immigrazione produce [le sole tasse], perché si fa presto a fare i conti: 1.000.000 di immigrati in Italia che paga il rinnovo sono 200.000.000 di euro con i quali si migliora di molto il sistema!!! Permettetemi però di fare una leggera critica: credo che il sistema attuale sia fatto per quei "birbaccioni" che non vogliono immigrati regolari, che non vogliono versare contributi, insomma per i soliti noti che magari hanno la badante in nero, la fabbrichetta con gli operai africani in nero ... e ci dicono sempre che loro pagano un sacco di tasse a Roma [poi ne versano solo un decimo di quanto devono]!!! smile_wink

Potresti essere più chiaro? Grazie
Vincenzo23 Vincenzo
male
vinx23@gmail.com
Vincenzo23

intendo dire che per un permesso di soggiorno vengono richiesti tanti documenti, ad esempio:
- coniuge straniero (certificato matrimonio e residenza dal comune, codice fiscale dall'Agenzia Entrate, etc.);
- permesso di lavoro (contratto di lavoro dall'ufficio prov.lavoro, tessera sanitaria dall'AsL,...);


L'esempio che ho fatto, riguardava un impianto fotovoltaico, per il quale bisogna inviare al GSE diversi documenti (contratto fornitura e scambio dall'Enel, documentazione amministrativa dall'ente territoriale di appartenenza, censimento impianto TERNA, etc..). Per snellire le pratiche basterebbe che i controlli avvenissero tramite un portale su cui ogni ENTE (ormai fornito di PEC) possa accedere e caricare il documento, che invece di essere stampato viene registrato e firmato digitalmente. A questo punto le prefetture o le questure (uffici preposti) avrebbero uno strumento di acquisizione e di controllo delle procedure molto più snello, invece di aprire ogni singola pratica, controllare la documentazione e poi archiviare ... devono fare CLICK sul mouse e davanti al monitor accedono a tutti i dati specifici.

Ovviamente questo sistema necessita di essere finanziato anche per gli operatori che lo debbono utilizzare, e si potrebbero trovare i fondi proprio dalle risorse ricavate dalle imposte sui permessi. Immagina solo se una cancelleria consolare possa inviare PEC ad un ente (comune) o ad un ministero la registrazione di una atto (in pochi minuti non giorni). Non si dovrebbero aspettare certo 2 anni per una pratica di cittadinanza.
E' chiaro che si dovranno utilizzare codici e protocolli per la sicurezza e l'accesso di questo portale, ma si fa la stessa cosa con i dati sensibili, ad esempio i dati antropometrici (impronte digitali) vengono già memorizzate da un sistema digitale del ministero, si può utilizzare lo stesso protocollo per renderli compatibili. Credo di essermi spiegato.

Per quanto riguarda l'ultima frase, poi era solo per scherzare sul fatto che la legge porta anche il nome di Bossi, e credo tutti noi sappiamo che il suo partito spinge per limitare le libertà degli immigrati e rendere gli ingressi difficoltosi, forse proprio andando a creare irregolarità smile_cry
Vincenzo23 Vincenzo
male
vinx23@gmail.com
Vincenzo23

Per non parlare di quello che succede per la cittadinanza sul sistema informativo (SICITT):
3. "L'istruttoria è completa; la domanda è in fase di valutazione" (cioè il Ministero ha ricevuto i pareri)
4. "Sono stati acquisiti i pareri –la pratica è in fase di valutazione finale"
5. “Sono stati acquisiti i pareri necessari! Il decreto di concessione è agli organi competenti per la firma"

... per questi tre passaggi molte volte ci vogliono dieci-dodici mesi!!! ... però intanto sono comunicazioni tra due uffici smile_confused
Vincenzo23 Vincenzo
male
vinx23@gmail.com
Vincenzo23

Vincenzo23:
credo che il sistema attuale sia fatto per quei "birbaccioni" che non vogliono immigrati regolari, che non vogliono versare contributi, insomma per i soliti noti che magari hanno la badante in nero, la fabbrichetta con gli operai africani in nero ...

http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/201...

da oggi entra in campo anche la burocrazia del sistema giuridico, chissà quanti procedimenti andranno a ostruire i tribunali
Andrea Bruno
male
customercare@officialguide.info
Webmaster

Se una azienda utilizza clandestini, sicuramente sono in nero e quindi già rischia e se si è presa il rischio sa di avere le spalle coperte.
Alla fin fine ci rimetteranno i poveri pensionati non più autosufficienti che assumono una domestica che gli da una mano nelle cose che hanno bisogno.