📁
☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !
Curiosità

Rapinatore stuprato

Rapinatore stuprato per tre giorni da avvenente ragazza russa

Olga: La ragazza che ha violentato per tre giorni il proprio rapinatore!
Olga
La ragazza che ha violentato per tre giorni il proprio rapinatore!

Un rapinatore trentaduenne tenta una furto in un salone di bellezza e la proprietaria – una avvenente ragazza russa ventottenne – lo sequestra e lo violenta ripetutamente per tre giorni. L’incredibile storia è avvenuta in Russia, nella cittadina di Meshchovsk, nella regione di Kaluga (a pochi chilometri dal confine ucraino).

Viktor – il protagonista di questa disavventura – tenta la rapina il venerdì nel negozio della suddetta Olga puntandole una pistola alla testa. Lei inizialmente lo avrebbe assecondato, per poi colpirlo di sorpresa ed immobilizzarlo, legandolo con il filo della corrente di un asciugacapelli. Le altre ragazze presenti, dipendenti del negozio stavano per avvertire la polizia, ma Olga le avrebbe invece invitate a esistere dal farlo, dato che ormai la situazione era sotto controllo e ci avrebbe pensato lei.
Passati tre giorni senza che alla polizia giungesse alcuna notizia Viktor viene liberato, cosicché questi giunge in ospedale con una vistosa ferita ai genitali ed è così che ai medici che spiega l’accaduto. Specifica la tentata rapina, ma poi aggiunge che la ragazza, una volta uscite le colleghe, lo ha condotto in uno ripostiglio, lo ha ammanettato e costretto a somministrare ingenti dosi di viagra, per poi obbligarlo a soddisfare i propri desideri sessuali, pena la tanto temuta telefonata alla polizia. Dopo tre intensi giorni di sevizie, l’uomo è stato quindi liberato oramai impotente o con delle occhiaie allucinanti.
I medici del pronto soccorso, a questo punto, chiamano la polizia, la quale non può fare a meno di arrestare tutti: Lui, per tentata rapina a mano armata, e lei, per violenza sessuale e sequestro di persona. Olga, tratta in arresto, ha lamentato al procuratore che segue l’indagine: “Che ingrato”. La locazione dell’attività commerciale, per ovvi motivi è tenuta segreta dagli inquirenti.

Argomenti nella stessa categoria