📁
☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !
Curiosità

Mantide russa

La scoccante vicenda della donna russa che abitudinariamente ammazza il marito per gelosia

Russa assassina: L'omicidio per gelosia perpetrato da donne russe, è cosa frequente
Russa assassina
L'omicidio per gelosia perpetrato da donne russe, è cosa frequente
La legislazione russa risulta essere assai blanda nell’assegnazione delle condanne per quanto riguarda i reati penalmente più rilevanti, un omicidio di primo grado di norma viene tranquillamente espiato con 6 o 7 anni di reclusione, non c’è quindi da stupirsi su come sia stato possibile ciò che ci apprettiamo a raccontarvi, un fattaccio in cui troviamo come protagonista Irina Rybalko (in russo Ирина Рыбалко) che è riuscita a collezionare ben tre omicidi in tempi differenti ammazzando ogni volta il proprio marito, chiaramente mai lo stesso! Già per chi abituato ai canoni italiani, arrivare a consumare il terzo matrimonio è già di per se un fatto se non eclatante, perlomeno insolito e poco fattibile per via della difficoltà che ogni volta comporta la separazione e il divorzio per vie legali, tuttavia Irina del divorzio se ne è preoccupata poco o non nulla: Avendo ammazzato i mariti, perlomeno è riuscita a non impegolarsi in questa fase a volte ostica e comunque non bella dal punto di vista affettivo e sentimentale.
Ad aver scaturito in lei l’istinto omicida, è stata la gelosia, e chiunque ha avuto esperienza di vita in Russia sa benissimo come le bellissime donne di questo Paese per gelosia possono cadere facilmente in raptus di follia omicida. Qualora accadesse, eccole con sguardo indemoniato mettersi a rincorrere il proprio amato per casa con il coltello da massaia in mano gridando “скатина!!”.
Irina ha commesso il primo omicidio nel ’92, assegnata ad una colonia penale, riottenne la libertà dopo quattro anni. Una volta scontata la pena decise di rifarsi una vita sposandosi con un altro uomo, con cui lei si dimostrò molto legata sentimentalmente a tal punto che ad un certo momento non ce la fece più e per gelosia lo dovette ammazzare a coltellate come fece con il primo. Questa volta, vista la reiterazione del reato il giudice ritenne opportuno optare per una condanna più pesante inviando Irina in colonia penale per ben dieci anni ma ne esce dopo cinque per via della propria situazione di salute assai cagionevole. Una volta riottenuta nuovamente la libertà, la “vedova nera” si risposa e manco a farlo apposta ricommette il medesimo reato! Aigliaiai Irina! Alla terza vola è già da considerarsi un vizio!  Stavolta si è beccata ben dodici anni, che da scontarsi in Russia sono pesantissimi. Staremo a vedere in futuro il seguito della saga!
Argomenti nella stessa categoria