☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Fipav: Oggi a Lecco parte il “Club Italia in tour”

BARI – La Russia perde anche il 2° big-match della Pool di Bari sprecando un vantaggio prima di 1-5 e poi di 8-11 nel tie-break contro un’ottima Serbia che conquista dunque il secondo posto della Pool.

La squadra di Grbic andrà a Varna con 4 vittorie e se la vedrà con Polonia, Francia e Argentina; i campioni d’Europa finiscono a Milano con sole 3 vittorie all’attivo in una pool dove troveranno Italia, Olanda e Finlandia.

PIU’ E MENO – Atanasijevic (56%), Kovacevic (62%) ed Ivovic (83%) fanno faville in attacco; Lisinac (4 ace e 26 battute effettuate) ed Atanasijevic (4 ace 18 battute effettuata) brillano in battuta con il neoacquisto di Trento che ribalta il tie-break.
La Russia vince a muro (9 a 4), ma perde appunto in battuta (13 ace a 6) e tanti errori, come i 4 consecutivi nel cuore del 5° set che tengono in corsa la Serbia. Opaco anche Mikhaylov che chiude col 39% in attacco. Non convince nemmeno Grankin in regia, oggi schierato titolare dopo la deludente prova di Butko contro gli Usa.

LA PARTITA
1° set: La Russia parte bene e arriva sino al 10-15, poi 2 ace di Kovacevic riavvicinano la Serbia (13-15). Un contrattacco di Atanasijevic (15-16) ed una pipe in rete di Volkov valgono il pari (17-17). Sul turno di battuta di Lisinac arrivano il contrattacco di Atanasijevic (20-19) ed un errore in attacco di Mikhaylov (21-19) (palla forse dentro, ma il videocheck è chiesto per un tocco del muro). Serbia senza palleggiatore sul successivo turno di battuta di Atanasijevic ed in rigiocata Ivovic inventa un primo tempo per Podrascanin: 23-20. L’ace di Atanasijevic (24-20) e l’errore in battuta dello specialista Poletaev (25-21) chiudono il set.

2° set: Come nel primo set è la Russia a partire forte: ace di Muserskiy (4-6), muro di Kliuka su Atanasijevic (4-7), free ball chiusa da Volkov (8-12) ed altro ace di Muserskiy (10-15). La Russia però dopo il 2° time-out tecnico (11-16) si fa recuperare tutto: prima il break del 13-16, poi 2 muri di Ivovic su Kliuka (15-16) e poi il contrattacco di Lisinac: 16-16. Si procede a braccetto sino al 22-22 poi Atanasijevic capitalizza una difesa su Kliuka: 2-22. La Russia però stavolta si salva e ribalta la condizione con 2 break-point: prima un muro di Kurkaev su Atanasijevic dopo scambio prolungato (23-24), poi un’invasione fischiata a Jovovic su ricezione filo rete (24-26).

3° set: Parziale in bilico sino al 7-7, poi la Russia inizia a sbagliare e denota carenze di intesa al centro. Sull’11-8 realizzato da Kovacevic c’è il cambio di palleggiatore, ma la prima palla di Butko è sbagliata e Muserskiy non la corregge: 12-8. Atanasijevic aggiunge l’ace del 13-8 e la Serbia dilaga fino al 17-10. Finale di set senza sussulti che si chiude sul 25-17 con un errore in battuta di Berezhko.

4° set: La Russia ripresenta la formazione iniziale e come nei primi 2 set prova a fare l’andatura anche approfittando di un caslo serbo: contrasto a rete di Volkov (4-6), errore di Atanasijevic (5-8), ace di Volkov (6-10), punto di Grankin (6-11), muro su su Ivovic (6-12) ed ace di Kurkaev (7-14). Grbic fa entrare i vari Kostic, Luburic, Krsmanovic e Katic, ma è una Russia che non riesce mai a tenere il vantaggio ed anche dal +7 rischia di rimettere tutto in discussione. Katic scarta un regalo di Butko (doppio cambio con Poletaev) ed è 11-16, Luburic piazza la palletta del 13-17, Lisinac aggiunge 2 ace (18-20), il primo con l’aiuto del nastro. L’unico ace del match di Mihaylov (18-22) fa respirare la Russia che dopo aver subito un altro break-point da Kovacevic (21-23) chiude la secondo tentativo con un bel colpo all’incrocio delle righe di Volkov (22-25).

5° set: Resta Krsmanovic per Podrascanin nella Serbia. Formazione iniziale per i russi. I primi 3 break-point sono subito della Russia: raro regalo di Kovacevic in attacco (0-2), free ball chiusa da Muserskiy (0-3) dopo il quasi ace di Kurkaev propiziato dal nastro e contrattacco di Kliuka (1-5) dopo difesa su Krsmanovic. La Russia non tiene più in campo una battuta (4 errori consecutivi dal 3-7 al 7-9), sbaglia una ricezione con Volkov (5-7) e quando Ivovic trova l’ace con l’aiuto del nastro il set è riaperto: 8-9. Muserskiy rifila a Lisinac il muro dell’8-11, ma il neotrentino (dopo un errore in battuta di Kurkaev) si rifà subito con la serie al servizio che decide la partita: ace con l’aiuto del nastro (10-11), spettacolare contrattacco di Atanasijevic dopo inammissibile difesa di Jovovic su Mikhaylov (11-11), ace su Kliuka (12-11), altro contrattacco di Atanasijevic dopo 2 attacchi non chiusi da Kliuka (13-11). Errori in battuta per Lisinac (13-12) e Mihaylov (6° errore negli ultimi 7 servizi della Russia), mentre quella di Atanasijevic è un ace: 15-12. Addirittura il 3° per la Serbia nel set con la deviazione decisiva del nastro!