☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

La Fipav regala a Roma le finali del FIVB Beach Volleyball…

TORINO – La Russia vincitrice della VNL e favorita di questi mondiali alla vigilia chiude il suo pessimo torneo con la quarta sconfitta su 10 partite giocate ed il quinto posto in classifica generale, furoi dalle semifinali. Final four raggiunta dunque per gli Usa, oggi vincenti 3-0, e per il Brasile.

PIU’ E MENO – Russell (17 punti, 54% in att., 2 ace e 62% ric. pos.) e Sander (15 punti, 57% in att. e 2 muri) sono i fari della formazione di Speraw che va alle semifinali da imbattuta. Al resto quest’oggi ci ha pensato una Russia decisamente sottotono e sprecona: Volkov va in panchina con 0 punti (e saldo -4), Kliuka si ferma al 43% di vinc. col 29% di eff. in attacco su 21 colpi, Poletaev fa poco meglio col 44% di vinc. e il 31% di eff., Mikhaylov chiude con un buon 64%, ma su soli 11 palloni. Appena 2 gli ace di squadra.
Tanta confusione anche in panchina con poca chiarezza sul ruolo del palleggiatore ed alla fine una squadra mai provata in campo nel secondo e terzo set.

SESTETTI – Usa con Christenson-Anderson; Russell-Sander; Holt-McDonnell (alternato col più atteso Smith) ed Erik Shoji. Nella Russia torna Grankin in regia. Confermati Mikhaylov, Volkov-Kliuka, Muserskiy-Kurkaev e Verbov. Novità a referto nella Russia col 2° libero Sokolov con la maglia da schiacciatore e Berezhko con invece quella da libero.

LA PARTITA
1° set: Russia subito contratta: errore di Kliuka (2-0) ed ace di Russell (5-2). Sbagliano anche gli Usa che concedono i 2 break-point del pari: 5-5. Si va a braccetto sino all’ace di Anderson su Volkov: 11-9. Reazione russa con megarally vinto da Kliuka (11-11), muro di Muserskiy su Anderson (11-12) ed ace di Mikhaylov (11-13). Gli Usa tornano avanti con un errore di Volkov (14-14) ed un contrattacco di Sander (16-15). Set in bilico sino al 21-20 poi Christenson mura Volkov su alzata di Butko (in campo per il doppio cambio): 22-20. Christenson trova anche il mezzo punto in battuta su Kliuka chiuso da McDonnell: 24-21. Lo stesso McDonnell (che era stato sostituito da Smith dopo pochi scambi) chiude il 25-22. 6 punti per Russell e Sader, Russia al 33% in attacco.

2° set: Mossa azzardata di Shliapnikov che sposta Mikhaylov in banda ed inserisce Poletaev opposto, mentre Volkov lascia il posto a Kliuka immediatamente. 3 punti di Muserskiy per l’iniziale 2-4, ma gli Usa pareggiano con un contrattacco di Anderson: 5-5. Poletaev riporta la Russia a +2 (7-9), ma Kliuka spara malamente out il possibile +3: 9-10. Gli Usa allora ribaltano il punteggio con un contrattacco di Anderson dopo gran difesa (11-11), un muro di Christenson su Kliuka (12-11) ed un ace di Holt su Verbov (13-11). Un attacco in rete di Smith (13-13) ed un ace di Muserskiy riportano avanti la Russia (13-14) che poi però regala un’invasione con Mikhaylov: 17-16. Da una difesa su Poletaev nasce il contrattacco di Russell (19-17) che spinge la Russia al time out. L’attacco russo però non decolla (44% nel set) e viene difeso anche Mikhaylov con Sander pronto a sfruttare la rigiocata: 21-18. Il muro di Smith su Kurkaev vale 4 set-point per gli Usa (24-20). Kliuka ne annulla due (24-22), Kurkaev il terzo (24-23), ma dopo il time-out di Speraw Grankin sbaglia il servizio: 25-23. Sander è il top scorer del set con 6 punti, Mikhaylov ha lo 0% in att. su 3 colpi.

3° set: Russia con la formazione del 2° set, fatta eliminazione per Volvich al posto di Kurkaev. Botta (1-3) e risposta (4-5) in avvio, poi la Russia arriva per la prima volta a +3 con un’invasione di Christenson su ricezione lunga di Russell (4-6) ed un errore in attacco di Sander (4-7). E’ una Russia che però non dà mai continuità a battuta ed attacco e subisce il ritorno ed il sorpasso statunitense: Sander approfitta di una palla ciccata da Muserskiy (6-7), Volvich attacca out il 10-10, ancora Sander a segno dopo una difesa su palletta di Kliuka (13-12), invasione gratuita dopo difesa su Kliuka (14-12), muro a uno di Sander su Poletaev (15-12), ace di Russell (16-12). Gli Usa tengono il +4 sino al 19-15, poi un errore di Sander (19-17), un muro su Holt (20-19) ed un muro di Kliuka su Anderson (20-20) riaprono il set. Russelle però ne mette subito 2 in fila (22-20) approfittando di una difesa anche un po’ fortunata su Kliuka. L’ultimo timeout di Shliapnikov non schiarisce le idee ai vincitori della VNL: muro di Holt su palla bassa per Muserskiy (23-20). Russell fa il 24-21. Kliuka annulla il primo match point (24-22), Poletaev il secondo dopo una difesa su Sander (24-23). Il videocheck sancisce in campo l’attacco di Russell: 25-23. Russell mattatore del set con 9 punti, solo 33% di vinc. ed 11% di eff. per Poletaev.