☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Pentagono in allarme: «La Russia mira alla competizione strategica»

I ministri della Difesa americano e  britannico hanno espresso la preoccupazione per la “modalità di  interferenze persistenti” attuata dalla Russia in altre nazioni. E il capo del Pentagono, James Mattis, durante la conferenza stampa a Londra con il suo collega Michael Fallon, ha detto che “al momento la  Russia ha scelto di essere un competitore strategico” elencando tra le violazioni di Mosca anche le interferenze nelle elezioni di altri  Paesi, senza nessun specifico riferimento a quelle americane.

“Le violazioni delle leggi internazionali della Russia sono cosa ben  nota, da quello che è successo in Crimea agli altri aspetti del loro  comportamenti nell’immischiarsi nelle elezioni degli altri Paesi”, ha  detto Mattis. Ed il generale, veterano delle guerre del Golfo, in  Afghanistan ed in Iraq, ha espresso “preoccupazione” per le notizie di collegamenti tra Mosca ed i talebani, senza fornire ulteriori  spiegazioni.

“Noi vogliamo avviare un dialogo con la Russia a livello politico o  diplomatico, ma al momento la Russia ha scelto di essere un competitore strategico e noi ci troviamo ad avere solo modeste  aspettative delle aree di interesse dove possiamo coadiuvare”, ha  affermato ancora il capo del Pentagono. “Non abbiamo più un dialogo  cooperativo con loro”, ha concluso.

Da parte sua, Fallon ha detto che “noi dialoghiamo con  la Russia riguardo alle parti del mondo dove ha grande influenza”,  facendo l’modello della Siria, ma ha poi aggiunto che nelle altre  situazioni “dobbiamo essere estremamente attenti ora alla modalità  persistente di interferenza” operata da Mosca.

In particolare, il ministro britannico ha ricordato come lo  schieramento di truppe britanniche, in ambito Nato, in Estonia e  Polonia sia una risposta “all’aggressione russa” nella regione.  “Questo è parte del maggiore dispiegamento di nostre truppe  nell’Europa orientale dai tempi della Seconda Guerra Mondiale”, ha  detto, sottolineando che di fronte a questo atteggiamento di Mosca ed  alle sue interferenze non è possibile al momento tornare “al business  as usual, alla normalità”.