☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Il dissidente russo in coma per sospetto avvelenamento

Russia, Navalny trasferito in aereo a Berlino. "Sarà impossibile stabilire il veleno usato"

Il ritardo nel suo trasferimento è dovuto alla volontà delle autorità russe di  "nascondere la causa delle sue gravi condizioni" accusa la dottoressa del dissidente russo in coma da due giorni

L'aereo con a bordo Alexei Navalny, il dissidente russo che è in coma dopo un sospetto avvelenamento, è giunto in Germania. Navalny è stato quindi trasferito all'ospedale della Charité di Berlino.

Originariamente, secondo il sito di Flightradar24 - che monitora le rotte aeree in tutto il mondo in tempo reale - sarebbe dovuto atterrare all'aeroporto di Schoenefeld, a sud-est della capitale, per poi dirigersi verso l'altro scalo berlinese, quello di Tegel, dove ha toccato terra sulla pista militare. Ad attendere l'aereo, riferisce la Bild, numerose ambulanze. Fino a ora non sono state fornite spiegazioni relative al cambiamento dell'ultimo minuto.

Condizioni "stabili", dice ong tedesca
Lo stato di salute di Navalny è "stabile", ha detto alla Afp il direttore della ong tedesca Cinema for Peace, poco dopo l'atterraggio dell'aereo, noleggiato dalla ong.

Navalny, 44 anni, è uno dei più feroci critici del presidente russo Vladimir Putin. Giovedì è stato ricoverato in un'unità di terapia intensiva a Omsk, in Siberia. I suoi sostenitori credono che sia stato avvelenato e che  ci sia il Cremlino dietro il ritardo nel trasferimento. I medici russi affermano che non ci sono prove di avvelenamento e inizialmente hanno rifiutato di consentirgli di essere trasferito all'estero.

La dottoressa del dissidente: "Ora sarà impossibile stabilire il veleno usato"
Il ritardo nel trasferimento di Navalny in Germania è dovuto alla volontà delle autorità russe di "nascondere la causa delle sue gravi condizioni. Dopo tutto questo  tempo, non saranno più rimaste tracce di veleno e in Europa sarà impossibile stabilire la sostanza tossica usata". Lo ha affermato in un'intervista a 'Repubblica' Anastasija Vasilieva, la dottoressa  personale del dissidente russo.

"I medici di Omsk non volevano lasciar andare Navalny. Sostenevano  che non fosse trasportabile, ma era una fandonia palese. È illegale e  criminale trattenere un paziente in un ospedale che non ha le  attrezzature necessarie a garantirgli le cure di cui ha bisogno", ha  spiegato Vasilieva, secondo la quale in Russia "seppure trovassero la  causa, la nasconderebbero. Nessuno vuole uno scandalo internazionale".

Rispetto al presunto caso di avvelenamento di cui Navalny è stato vittima anche un anno fa, la dottoressa ha sottolineato che non c'è niente in comune, ma "mi fa male vedere lo stesso freddo cinismo e obbedienza alle istruzioni dall'alto". Vasilieva ha precisato che al momento le condizioni del dissidente sono "gravi, ma stabili".

Intanto, il presidente bielorusso Aleksander Lukashenko ordina la chiusura di tutte le imprese che partecipino agli scioperi indetti nel Paese. Lo afferma l'agenzia Interfax. "Poi vedremo chi andrà a lavorare", ha aggiunto il capo di Stato.