☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Mosca condanna: "Intervenga l'Onu". Gli Usa: "La Russia era stata avvertita"

Non si è fatta attendere la reazione della Russia in seguito all'attacco aereo degli Stati Uniti nella provincia di Homs, in Siria. Alla luce del raid e delle dichiarazioni successive la condizione è ora tesissima tra le due potenze, da sempre in conflitto sulla posizione di Bashar al-Assad.

Il Comitato di Difesa della Duma di Stato (la Camera bassa) russa afferma che l'attacco missilistico degli Stati Uniti contro la Siria potrebbe peggiorare i rapporti tra Mosca e Washington, nonché portare a un ampliamento dei conflitti armati in Medio Oriente. Lo riportano i media russi.

«La Russia prima di tutto chiederà una riunione urgente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Questo può essere considerato come un atto di aggressione da parte degli Stati Uniti contro uno Stato dell'Onu», ha detto ai media russi Viktor Ozerov, presidente del comitato di Difesa e sicurezza del Consiglio federale (parlamento) russo. 

IL PENTAGONO: "AVEVAMO INFORMATO MOSCA" I militari russi sono stati informati anticipatamente dell'attacco americano contro la base aerea in Siria. A precisarlo è stato il Pentagono. Il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha però chiarito che non c'è stato alcun ulteriore coordinamento con Mosca in vista dell'attacco. 

IL PLAUSO DI NETANYAHU «Israele supporta pienamente la decisone del presidente Trump», afferma un comunicato dell'ufficio del premier israeliano Benjamin Netanyahu in seguito all'attacco missilistico Usa sulla Siria. «Sia a parole che nei fatti, il presidente Trump ha mandato oggi un messaggio chiaro e forte che l'uso e la diffusione di armi chimiche non saranno tollerati», continua la nota di Netanyahu diffusa alle 6 circa ora israeliana e ripresa dai media internazionali. «Israele supporta a pieno la soluzione del presidente Trump e spera che questo messaggio di determinazione nei confronti delle terrificanti azioni del regime di Assad risuoni non solo a Damasco ma anche a Teheran, Pyongyang e ovunque», aggiunge il comunicato.