☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Partnership più strette tra Verona e la Russia

Il ponte veronese tra Europa e Asia, con la diplomazia degli affari e delle imprese sostenuta da un decennio dall’associazione veronese Conoscere Eurasia con il Forum eurasiatico di ottobre, da solo non è più sufficiente. È necessario cercare convergenze per creare collaborazione concreta. Una «politica dei piccoli passi» in salsa globalizzata che richiama la Ostpolitik per la quale il cancelliere tedesco Willy Brandt ottenne il Nobel per la Pace nel 1971. «Il business da solo non basta», sottolinea Antonio Fallico, presidente dell’associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia e ideatore del Forum Eurasiatico che ogni anno, a ottobre, trasforma per due giorni Verona e il Palazzo della Gran Guardia nel centro del confronto Europa Asia. «Intendiamoci, fare affari è fondamentale perché le imprese, tutte le imprese di tutti i settori, a parte quello delle armi, hanno bisogno di pace e tranquillità per creare ricchezza. Adesso però bisogna implicare di più l’opinione pubblica non con slogan, non con ideologie, smontando i pregiudizi e cercando un denominatore comune. Il dialogo, il confronto, il parlarsi guardandosi in faccia non sono enunciazioni teoriche, ma le fondamenta per trovare “cose” concrete, magari piccole, da costruire insieme». Per questo, tra le attività di Conoscere Eurasia ci sono la scuola di lingua russa, il premio letterario Raduga (arcobaleno in lingua russa), lo scambio culturale con i viaggi di scrittori dall’Italia alla Russia e dalla Russia all’Italia, il ciclo di «Incontri con la cultura russa», rassegna cinematografica arrivata all’undicesima edizione, quest’anno dedicata a Karen Šachnazarov, regista, sceneggiatore e presidente della casa di produzione Mosfilm. «Intendiamoci», precisa Fallico, «il ragionamento deve essere generale e non può tralasciare dall’economia. Dopo l’organizzazione dei seminari economici in Italia a Milano, Genova, Napoli, Catania, Roma, Trento, Trieste e Torino nel 2019, la novità economica del 2020, sempre curata da Conoscere Eurasia, sarà la presenza italiana come Partner Country a Innoprom, maggiore fiera russa dedicata a industria e innovazione che si svolge a Ekaterinburg, capitale degli Urali, dal 7 al 10 luglio». A Innoprom l’innovazione è strettamente legata alla produzione con la presentazione dei passi avanti tecnologici concreti, applicati ai processi produttivi delle aziende manifatturiere. Il calendario delle attività di Conoscere Eurasia con Roscongress, maggiore operatore di eventi in ambito fieristico-congressuale in Russia, in preparazione del Forum di ottobre, è già iniziato a gennaio con la partecipazione al World Economic Forum a Davos e proseguirà in Russia, il 10 febbraio a Mosca e dal 12 al 14 febbraio a Sochi al Russian Investment Forum. Seminari e forum economici sono in programma a Milano, Genova, Krasnoyarsk, Vienna, Almdorf, Roma, a San Pietroburgo allo Spief, forum economico internazionale; Kazan e Vladivostok e ancora a Bolzano, Trieste, Lugano, Torino, a Parigi il 3 luglio e a Francoforte l’1 ottobre. Lo sguardo è già rivolto al 2021 con la preparazione in corso di un seminario a New York. «Una novità del 2018 è stata l’organizzazione del Forum geopolitico ad Almdorf, ripetuto nel 2019 e sviluppato quest’anno il 26 giugno», dichiara Fallico. «Sarà un’occasione di dialogo e confronto su temi non squisitamente economici, ma fondamentali nella ricerca di punti comuni nel rapporto tra Europa, Eurasia e Russia». A Verona, invece il 22 e 23 ottobre 2020 si terrà la tredicesima edizione del forum Eurasiatico. I temi di dialogo e confronto saranno ancora quelli dell’energia con particolare attenzione alle energie alternative, al risparmio energetico, alle infrastrutture e all’applicazione concreta delle tecnologie alla produzione. •