☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

C'è un altro "Blue Whale"? Questo ragazzo arrestato in Russia ne sarebbe il "curatore"

Ilya Sidorov, 26 anni, ha confessato di gestire uno dei cosiddetti "gruppi della morte", con il quale avrebbe adescato 32 minorenni

Si chiama Ilya Sidorov, è un postino russo di 26 anni ed è stato arrestato a Mosca con l'accusa di essere un curatore di un "gioco" paragonabile al Blue Whale. Il ragazzo ha confessato di gestire uno dei cosiddetti "gruppi della morte", con il quale avrebbe adescato 32 minorenni, tra cui una ragazzina di 14 anni. Secondo quanto scritto dalla stampa, le indagini compiute dopo il tentato suicidio di lei hanno portato le autorità russe alla cattura di Sidorov.



In rete è possibile ritrovare il video del suo arresto, filmato dalla polizia. Il ragazzo interrogato dagli agenti confessa di aver incoraggiato i giovani all'autolesionismo, fornendo istruzioni dettagliate sui "compiti" da svolgere, tra cui procurarsi tagli, svegliarsi al mattino presto e guardare film horror: un totale di 50 sfide, con la più macabra delle conclusioni. "Quel'è il compito finale? Come finisce il gioco", lo incalzano le autorità nel video. "Suicidio", risponde infine lui.

Proprio per istigazione al suicidio Sidorov rischierebbe fino a 5 anni di prigione, scrive il Daily Mail. A fornire ulteriori dettagli sull'arresto dell'uomo è stato il colonnello Irina Wolk, che ha parlato a nome del ministero degli Interni russo: "Sono stati sequestrati cinque cellulari, un tablet e diverse carte Sim. Il sospetto ha confessato di essere l'amministratore del cosiddetto gruppo di suicidi che ha adescato 32 membri minorenni. Ha assegnato dei compiti, volti a plagiare le loro menti".

Sidorov non sarebbe invece l'ideatore del Blue Whale. Con questa accusa, poco tempo fa, è stato arrestato il 22enne russo, studente di psicologia, Philippe Budeikin e non è ancora chiaro se tra i due ci siano stati contatti. "Ci sono le persone e ci sono scarti biologici", aveva dichiarato Budeikin durante l'interrogatorio, "Io selezionavo gli scarti biologici, quelli più facilmente manipolabili, che avrebbero fatto solo danni a loro stessi e alla società. Li ho spinti al suicidio per purificare la nostra società. Ho fatto morire quelle adolescenti, ma erano felici di farlo. Per la prima volta avevo dato loro tutto quello che non avevano avuto nelle loro vite: calore, comprensione, importanza".

A dare notizia di quest'ultimo passo avanti nelle indagini per arrestare il fenomeno è stato anche la Iena Matteo Viviani, che ha pubblicato su Facebook un servizio nel quale parla della cattura di Sidorov. Un post che arriva a seguito delle numerose polemiche, dopo l'ammissione che alcuni filmati di suicidi, utilizzati dalla trasmissione per raccontare la Blue Whale, non erano in realtà riconducibili al gioco.