☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Mondiali Russia 2018: oggi il sorteggio senza la

Tutto pronto per il calcio d’inizio del Mondiale. Manca come sempre la metà degli stadi, ma tranquilli che il 14 giugno l’ultimo bullone sarà a posto. Oggi c’è il sorteggio e gli otto gruppi saranno disegnati dalle manine degli ex campioni. Solo una cosa stona: nel nostro piccolo, ma molto piccolo ormai, mancherà l’Italia. Per la prima volta dal 1958. Unica campione del mondo assente qui in Russia. Avevamo rischiato di non qualificarci nel 1978 (gruppo vinto contro gli inglesi solo per differenza gol) e nel 1998 (successo ai playoff contro la Russia). Per questa strana "legge" dei vent’anni – i momenti difficili si ripetono con impressionante puntualità – il 2018 lo vedremo in tv. Se l’Italia si fosse qualificata sarebbe finita in seconda fascia, a contendere il ruolo di "mina errante" alla Spagna: non che le due nazionali, s’è visto bene a Madrid, siano paragonabili, ma neppure uno vuole mai gli azzurri (almeno un tempo era così). Oggi tutti sperano di evitare Iniesta, Morata e amici.

— D’altra parte la Fifa ha scelto il ranking "puro", o quasi, per suddividere le finaliste nelle quattro fasce. Naturalmente con l’eliminazione della Russia, ospitante e di diritto testa di serie. E con la necessità di non concentrare più di una squadra dello stesso continente nello stesso gruppo: solo l’Europa, con 14 finaliste, avrà due nazionali in almeno 6 gironi. Situazione che può creare squilibri. Un gruppo, il più complicato forse, sarebbe con Brasile, Spagna e Serbia (più una non europea dalla terza fascia). Uno semplice comprenderebbe invece Russia, Perù, Tunisia e Arabia Saudita. Comunque non è più tempo di giochi e giochetti. Né nell’amministrazione, con l’Interpol che continua a indagare sulla corruzione della vecchia Fifa (l’ultima rivelazione dell’altro giorno riguarda l’ex presidente argentino Grondona, secondo un testimone indicato come "el papa" tra chi incassava tangenti). Né dal punto di vista sportivo, con nazionali importanti quali Italia, Usa, Cile e la stessa Olanda fuori dai giochi.

— Nel palazzo in cui una volta si decidevano le sorti del mondo, il Cremlino, nella splendida Piazza Rossa, oggi alle 16 (le 18 locali) si decidono le sorti del Mondiale. Ci saranno vecchie conoscenze sul palco, compreso il nostro Fabio Cannavaro, l’ultimo a sollevare la Coppa del Mondo nel 2006, e chissà quanto a lungo resisterà la sua foto ricordo. Al di là delle ridicole invenzioni del ripescaggio azzurro – perché al posto del Perù non la Nuova Zelanda sconfitta dai sudamericani nei playoff? –, per noi l’appuntamento più prossimo è al 21 novembre 2022, quando comincerà il Mondiale invernale in Qatar, con finale il 18 dicembre. Chissà se Babbo Natale esiste. Oppure nel 2026, probabilmente in Nord America, Trump permettendo, con la prima edizione a 48 squadre (delle quali 16 europee, più chance di qualificazione).

— Così a giugno l’Italia organizzerà un paio di amichevoli da sparring partner per le finaliste, anche se c’è chi parla di un "mondialino" tra le grandi escluse da organizzare forse negli Usa. Non facile. Chissà con quale federazione, quale squadra, quale c.t.: l’unica è che si eviteranno la follia del traffico di Mosca che paralizza qualunque attività (oltre due ore dall’aeroporto, auto a passo d’uomo). Mosca è una città superba, bellissima e difficilmente vivibile: però qui tutte le nazionali faranno base, per poi viaggiare fino a Ekaterinburg, la più orientale e lontana delle undici sedi (12 stadi, a Mosca c’è il Luzhniki e quello dello Spartak). La speranza è che questo non diventi un Mondiale di regime, anche se la propaganda di Putin s’è già messa in moto. Al via il 14 giugno, finale il 15 luglio, la Var probabilmente ospite desideratissimo dalla Fifa e un po’ meno dall’Uefa. Favoriti? Germania, Brasile e Spagna in prima fila. Poi l’Argentina (se diventerà squadra) con Belgio e Francia (che hanno potenziale enorme) e Portogallo (che ha Cristiano Ronaldo). Che gelosia, eh?

In ognuno degli 8 gruppi sarà sorteggiata una squadra di ogni fascia (organizzata in base al ranking Fifa di ottobre). Una sola limitazione: in ogni gruppo non possono esserci più di due europee o più di una squadra di tutti gli altri continenti.