☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Carim: venerdì “alla scoperta dell’era d’oro delle arti nella Russia pre-Rivoluzione”

Sarà questo il tema del secondo convegno della rassegna “I Maestri e il Tempo”, che si svolgerà domani venerdì 24 marzo alle ore 17.30 nel Salone di Palazzo Buonadrata (Corso d’Augusto 62, Rimini). Dopo il grande successo del primo appuntamento, a intervenire sarà Sabrina Foschini, storica della moda, critica d’arte, pittrice e scrittrice, con una relazione su “Il Gran Ballo del Cosmo. Primitivi e Avanguardie in Russia alla vigilia della Rivoluzione”.

Il 2017 è l’anno in cui si ricorda il centenario della Rivoluzione Russa: in quella data trovò la sua fine un periodo straordinario per creatività e genialità della cultura dell’ex Impero: arti figurative, moda, costume, musica, danza, narrativa, poesia, teologia e filosofia raggiunsero vette mai precedentemente toccate. Si parla, infatti, di ‘Età d’Argento della Santa Russia’: uno spirito di novità assoluta accompagnò il prepararsi della rivolta bolscevica, sia tra i suoi sostenitori sia tra i suoi avversari.

“Il linguaggio della figurazione artistica e iconografica – anticipa Alessandro Giovanardi, curatore dell’iniziativa –  ruppe con il naturalismo accademico per riscoprire le tradizioni primitive, il folklore popolare, l’arte delle icone, i simboli cristiani, ebraici e pagani, ma anche islamici e buddhisti, che nutrivano le diverse etnie dell’impero. Erano gli anni strepitosi del Liberty russo (lo Stil’ Modern), del futurismo appreso dagli Italiani, del simbolismo, dell’astrattismo e dello spiritualismo. Era il momento di Kandinskij, di Chagall, di Malevich, della Goncharova, soprattutto dei Balletti Russi, dell’Europa occidentale innamorata di questa ondata di bellezza e di gioia. Erano i tempi del cinema, della pubblicità e della fotografia. Il nuovo regime avrebbe impiegato alcuni artisti organicamente, pretendendo anche un mutamento del loro linguaggio (una vera e propria censura), e spinto altri all’esilio fuori patria, al nascondimento in patria o al suicidio (Cvetaeva, Esenin, Majakovskij): lo stalinismo avrebbe pensato a sterminare nel Gulag (Mandelshtam, Florenskij) ciò che restava di quella generazione ribelle, profonda, generosa e felice; la generazione che ha dissipato i suoi poeti”.

Con “Il Gran Ballo del Cosmo” Sabrina Foschini, forte delle sue molteplici competenze, rievocherà gli anni magici prima della tragedia in IMMAGINI e PAROLE. La Foschini illustrerà, quindi, l’arte, la poesia, la favola, la danza, la moda e il costume alla vigilia della Rivoluzione Russa, tra Primitivi e Avanguardie, sperimentazioni linguistiche e ricerca delle radici, soprattutto nei Balletti Russi, dove tutte le arti, le tradizioni e le innovazioni contribuiscono al compimento dell’opera.