☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Funghi contaminati dalla Russia: tracce di radiazioni nelle importazioni a poco tempo dall’inspiegata nube radioattiva sull’Europa

I funghi sono in vendita nei supermercati di Parigi, sebbene non sia chiaro quali implicazioni sulla salute potrebbe avere il loro consumo

La Francia ha scoperto tracce di cesio radioattivo sui funghi importati dalla Russia, secondo il capo del regolatore nucleare francese, ASN. La notizia arriva dopo poco tempo dalla conferma della Russia sulle sue concentrazioni estremamente elevate  dell’isotopo radioattivo rutenio-106 nel paese. I funghi sono in vendita nei supermercati di Parigi, sebbene non sia chiaro quali implicazioni sulla salute potrebbe avere il loro consumo.

Pierre-Franck Chevet, capo di ASN, ha riferito che in seguito alla scoperta di una nube di inquinamento radioattivo proveniente dalla Russia, i livelli di rutenio-106 radioattivo nell’aria non hanno creato minacce alla sicurezza dei cittadini francesi, ma che i controlli sulle importazioni alimentari dovranno essere rafforzati. Chevet ha detto: “Le ultime informazioni che ho dicono che sembra che siano state trovate tracce di cesio sui funghi provenienti dalla Russia”. I funzionari dell’agenzia francese per la protezione dei consumatori DGCCRF non sono stati subito disponibili a commentare e l’ASN non ha immediatamente risposto alla richiesta di ulteriori dettagli.

Chevet ha affermato che le tracce di cesio non sembrano essere in linea con i calcoli fatti dall’istituto di sicurezza nucleare francese IRSN: “C’è una contraddizione tra quanto misurato e quanto calcolato dall’IRSN. I lavori continuano”. Gli scienziati hanno riferito che la presenza di rutenio senza altri elementi radioattivi indicherebbe che c’è stata probabilmente una fuoriuscita di rutenio piuttosto che un incidente nucleare più grande.

Roshydromet, il servizio meteorologico di stato russo, aveva trovato un “inquinamento estremamente elevato” di rutenio-106 a quasi 1.000 volte i livelli normali vicino all’impianto di ritrattamento di combustibile nucleare Mayak nel sud della Russia, di proprietà della compagnia nucleare statale russa Rosatom. Mayak ha negato che il suo impianto fosse la fonte dell’aumentato livello di rutenio-106. Rosatom ha annunciato che non ci sono stati incidenti in nessuna delle sue strutture che potrebbero far aumentare il livello di rutenio-106 nell’atmosfera.