☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Der Spiegel: Israele ha indicato alla Russia i “limiti del possibile” in Siria

I recenti raid in Siria compiuti dall'Aviazione israeliana hanno notevolmente irritato Mosca, scrive Der Spiegel. Secondo i militari siriani, sono stati attaccati obiettivi vicino Palmira, dove sono dislocati soldati russi. Tuttavia anche se la Russia ci proverà, in futuro non potrà evitare i bombardamenti d'Israele, ritiene il tabloid tedesco.

La Russia è irritata, scrive Der Spiegel.

"Israele compie attacchi aerei contro obiettivi in Siria, il regime di Assad abbatte i missili: cresce la preoccupazione che la condizione diventi ustionante."

Durante la sua ultima visita a Mosca, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha fatto chiaramente capire al presidente russo Vladimir Putin che per Tel Aviv è "inaccettabile" la presenza costante delle forze armate dell'Iran in Siria, prosegue il tabloid tedesco.

Secondo quanto riferito da Netanyahu, ha avuto l'impressione che il numero uno del Cremlino abbia "capito il suo messaggio", osserva Der Spiegel.

Dopo i raid aerei sul territorio siriano, il Cremlino per la prima volta ha convocato l'ambasciatore d'Israele in Russia. Il governo israeliano, tuttavia, di solito non rivela i dettagli delle sue operazioni militari per "mantenere all'oscuro gli amici e nemici", sottolinea il tabloid.

Secondo l'esercito siriano, l'aviazione israeliana ha attaccato obiettivi nei pressi di Palmira.

"Sembra che le azioni di Israele abbiano così fatto infuriare il Cremlino per il fatto che a Palmira sono dislocati soldati russi", — scrive Der Spiegel.

Tuttavia a tralasciare dai tentativi di Mosca, "in futuro non sarà possibile prevenire gli attacchi dell'Aviazione israeliana", si ipotizza nell'articolo.

Le forze di sicurezza israeliane vedono nella Siria la "testa di ponte dell'aggressione delle forze armate dell'Iran e di Hezbollah".

Secondo Der Spiegel, in questo momento "la Russia non semplicemente non vuole, ma non è in grado di evitare che Hezbollah si armi in Siria".