☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Russia: creato robot scanner per il progetto del reattore termonucleare ITER

Una piccola impresa innovativa presso il Politecnico di Tomsk, la società Intech, ha ottenuto un contratto per la progettazione di un sistema robotico con sensori a ultrasuoni per monitorare le parti interne del reattore termonucleare, in costruzione nel sud della Francia, parte di un progetto internazionale ITER, segnala Sputnik.

"Con l'aiuto del robot si potrà controllare la qualità delle parti della prima parete del reattore: la barriera che separa il plasma dal resto del reattore". Lo sviluppo dovrebbe essere completato entro il 2020 "afferma il rapporto. Il costo del contratto è di 70 milioni di rubli. Il cliente è l'impresa della società statale Rosatom, l'Istituto di ricerca di apparecchi elettrofisici Yefremov (NIIEFA, San Pietroburgo).

Il metodo ultrasonico dei test non distruttivi offre agli specialisti l'opportunità di valutare la presenza di difetti nascosti e le caratteristiche in un particolare materiale.

"Il sistema robotico a ultrasuoni funzionerà praticamente come una radiografia per l'ITER, lavorando sul nostro circuito originale con una griglia focalizzazione digitale, consentendo di ottenere dati precisi sulla posizione del difetto e la sua dimensione in tutta la profondità. Questo approccio fornisce un focus digitale in ogni punto del suo volume", ha spiegato il capo della scuola di ingegneria di controllo e sicurezza del Politecnico di Tomsk Dmitry Sednev.

"Nel 2014, abbiamo consegnato per il progetto ITER un piccolo robot a ultrasuoni. Ora il nostro compito è quello di svilupparne uno più grande dalle dimensioni di 2,5 metri di lunghezza, 2 metri di larghezza e uno e mezzo di altezza. Ad oggi non ci sono robot di questo tipo per i test ad ultrasuoni in Russia, e per noi come sviluppatori è una sfida che richiede soluzioni ingegneristiche originali", ha aggiunto Sednev.

Il reattore ITER (ITER, International Thermonuclear Experimental Reactor) è in costruzione vicino al centro di ricerca Kadarash nel sud della Francia. Questo sarà il primo tentativo su larga scala di dimostrare la possibilità di utilizzare una reazione termonucleare per generare energia su scala industriale. Se il progetto ITER avrà successo, l'umanità avrà una fonte di energia quasi inesauribile.

Un totale di 35 paesi partecipano al progetto ITER, inclusi 29 paesi dell'UE, oltre a Stati Uniti, India, Cina, Giappone, Corea del Sud e Russia. L'avvio del reattore e l'ottenimento del primo plasma sono pianificati per il 2025.

La Russia crea per i componenti chiave del reattore e altre attrezzature ad alta tecnologia: ci sono più di 25 sistemi unici nell'area di responsabilità delle imprese russe.